CONDIVIDI

Ebbene si, ecco qua l’ultima creazione di casa Maranello sotto la presidenza di Montezemolo, la 458 Speciale A. Si presenta al pubblico in una suggestiva livrea giallo triplo strato con banda centrale blu Nart e bianco Avus, oltre che con cerchi forgiati a cinque razze in grigio corsa. ‘A’ come aperta perchè la nuova belva, che sarà prodotta solamente in 499 esemplari, ha un tetto rigido che impiega 14 secondi per sparire ed ha tutte le carte in tavola per diventare la spider più prestazionale della storia di Maranello. Questa vettura che farà il suo debutto al Salone di Parigi (4-19 ottobre) abbina le performance estreme al piacere di guida tipico delle vetture a “cielo aperto.

Prestazioni

Grazie alla leggerezza del tetto rigido ripiegabile in alluminio, la differenza di peso rispetto alla Speciale coupé è limitata a soli 50 Kg. Il motore è lo stesso della versione coupé, ossia il V8 stradale aspirato più potente nella storia della Ferrari in grado di erogare 605 Cv di potenza massima, 135 Cv per litro quella specifica e 540 Nm di coppia a 6000 giri, con emissioni contenute ad appena 275 g/km di CO2. Il peso a secco è pari a 1.340 kg che gli permette di avere un rapporto peso/potenza pari a 2,21 kg/CV. Lo 0-100 km/h viene coperto in 3,0 secondi lo 0-200 in 9,5, mentre il tempo sul giro a Fiorano è pari a 1’23″5. Praticamente, secondo la casa, i tempi tra la coupè e la versione aperta non cambiano pur avendo una differenza del rapporto peso/potenza pari a 0.08 kg/CV (naturalmente a favore della versione ‘chiusa’), sarà vero?

Interni

Gli interni, come tutte le Ferrari d’altronde, sono di qualità eccellente e con minuziosa cura nei particolari. Se foste tra i pochi fortunati a vedere e FORSE entrare in uno di questi ‘veicoli’ notereste che nell’abitacolo dominano la scena gli inserti in fibra di carbonio blu, senza dimenticare i sedili dal nuovo design con rivestimento in Alcantara, tessuto tridimenzionale e cuciture a contrasto.

Per il prezzo, che dire, sicuramente si tratterà di una cifra a 5 zeri prendendo in considerazione che la versione coupè costò 238.000 € a quei pochi fortunati che ora la posseggono.