CONDIVIDI

Con l’imperversare dei social network, sempre più persone sfruttano il web per dire la loro, far ridere, farsi propaganda o semplicemente mettersi in mostra. C’è anche chi, quasi per caso e per pura voglia di condivisione, arriva a diventare una sorta di “filosofo urbano” (passateci il termine). Questo è il caso di Stefano Ristori, in arte il Prez, assicuratore romano che con i suoi video a base di Ferrari, “ostentazione positiva” e voglia di guardare sempre e solo il lato positivo della vita, ha conquistato quasi 31.000 likes solo sulla sua pagina Facebook. Noi di Auto Addicted lo abbiamo incontrato e intervistato in compagnia dei suoi “feri”, una Porsche 993 Turbo e una Ferrari 599 GTB Fiorano:

Buongiorno Stefano…o preferisci Prez?

“Decidete voi: io mi chiamo Stefano, ma potete chiamarmi Prez”

Col tempo nei tuoi video hai sviluppato una sempre più evidente filosofia di vita, il secondotestomale pensiero: cosa ti ha spinto nel cominciare a divulgare questo lifestyle tramite i social network e su quali “comandamenti” o principi cardine si basa?

“Mi piace la parola comandamenti, ma non ho nessuna pretesa di avvicinarmi “a quello bravo” (Dio) [ride, ndr]. Per quanto riguarda quello che mi ha spinto a divulgare il mio pensiero, tutto è partito dalle sensazioni che suscitai nel video “genesi”: in un giorno di particolare serenità, dove venivo da una settimana lavorativa soddisfacente, non avevo nessuno in mezzo al c***o e dopo essermi fatto una bel bagno in piscina a casa mia, mandai un video a 5 amici, nel quale parlavo di “ostentazione positiva e non volgare di benessere” e di sapersi godere le cose più semplici della vita. Bene dopo quel video mi sentii chiedere ” Stè mandacene altri ne abbiamo bisogno”: li ho capito che forse potevo provare ad estendere il mio messaggio agli sconosciuti. Mi sono detto “Vuoi vedere che riesco a far spostare focus e modo di porsi negativo nei confronti dei piccoli e grandi problemi della vita, alle persone?”. Così sono nati gli slogan “viva la vita” e “secondotestomale”. “

Capita sempre più spesso che la gente ti scriva per avere un consiglio o un po di conforto: ti fa piacere? Riesci a non farti coinvolgere emotivamente?

“Ovvio che quando metti in maniera totalmente disinteressata i tuoi pensieri sul web, e questi servono da incoraggiamento e consiglio, ne trai molto piacere. Certo alla domanda “riesci a non farti coinvolgere?” ti rispondo ni: certe situazioni, per rispetto e per la loro carica emotiva, sono difficili da ignorare ed essere trattate con formalità. Ad ogni modo sono contento di poter essere d’aiuto.”

A bruciapelo…neanche il traffico romano e le buche ti fanno tentennare?

“No, sono portato a non incazzarmi per cose per le quali non ho una soluzione. Al massimo alzo il volume della musica e sposto il focus sul segno + del momento.”

Veniamo alle auto: la tua prima

“Una Golf GTI 1.6 del 1981 usata, compratami da mio padre. La rivendetti dopo un incidente con un ragazzo di 17 anni che aveva rubato la Y10 alla madre…ma era comunque colpa mia!”

Tra quelle possedute, quale consideri la migliore?

“Probabilmente la 599.”

Cosa ti fa scattare l’amore nei confronti di un’auto? Quali sono le caratteristiche che ami o che odi?

“Sicuramente fattori estetici e prestazionali: amo le auto con tanto tiro e coppia, quelle che fanno uscire il “coatto” al semaforo. Poi mi piacciono molto le auto legate a ricordi della gioventù: ieri (parliamo del 12 Marzo) sono impazzito per una Corvette Stingray del ’73, che ho sempre desiderato, ma mai comprato per i mostri che da giovane mi avevano messo in testa riguardo la manutenzione. Ora è arrivato il momento di togliersi ogni dubbio.”

La tua auto preferita di sempre?

“Probabilmente ti direi la Ferrari 288 GTO: un mix eccezionale di prestazioni, estetica e guidabilità quotidiana”

Quindi se dovessi costruirti una Prez-Mobile come la faresti?

“Ma sicuramente la 599 GTO: a suo modo la più bella macchina del mondo”

E invece la mattina? In base a cosa scegli tra “il prodotto italico” (599) e quello “teutonico” (993 Turbo) ?

“Di base preferisco la 599, ma in caso di pioggia preferisco la Porsche perchè è 4×4…” Correttezza, Coerenza, Credibilità: la nostra intervista al Prez Stefano Ristori

Non è un grosso problema in effetti…

“No diciamo che i problemi sono altri [ride, ndr] “

La Seat ti ha mai fatto causa?

“Non ci sono i presupposti, dico solo che si c’hai la Seat essi bravo…”

Qualcuno ti ha criticato per essere un guidatore “poco diligente”: è così realmente?

“Quel qualcuno ha ragione semplicemente per il fatto che non si dovrebbero fare video mentre si guida, ma vi assicuro che mentre lo faccio vado piano e nel 90% dei casi sto dietro un Fiorino o una Seat…ci tengo alla vita!”

Ce lo siamo sempre chiesto tutti: con la Ferrari si rimorchia di più?

“Certo! Co la Seat ci vanno in quattro, con la Ferrari ci vanno tutte”

Personaggi dell’ automobilismo che hai sempre ammirato

“Senna e Schumacher per doti e personalità. Senna pilota stratosferico che si è quasi sacrificato, Schumacher tanto forte quanto sfortunato.”

Per chiudere, che consiglio ti senti di dare a chiunque volesse realizzare le proprie aspettative?

“Lavorare senza farsi ostacolare da falsi problemi che possono bloccare il nostro coraggio di osare. Io consiglio di portare “in tasca” la regola delle 3 C: Correttezza, Coerenza e Credibilità, che miscelate portano alla lealtà. Solo così possiamo ambire al nostro 100%.”

Un saluto per tutti?

“Viva la vita, secondotestiamomale?”